● Illustrazioni
LA COMMEDIA DEI FURBI

Si può raccontare l'Italia di oggi anche solo parlando di uno dei suoi mille paesi? Si può con la fantasia dello scrittore, senza indulgere alla morale, anzi alla predica? Si può, e La commedia dei furbi, con la sua sorridente parodia in salsa paesana, è una risposta. Quello che conta è che la narrazione abbia la caratteristica della leggerezza. Certo, Luigi Lambertini alza il velo su una serie di italici viziati - dalle smanie politiche a quelle sessuali, dall’avidità dei piccoli commerci all’esibizione di sé, dalla retorica alla furbata…
Il tutto messo in scena a Rocca di Rio, cittadina inventata ma non troppo, dove la Sagra delle castagne è l’innesco di uno spettacolo di cui sono protagonisti - ma non tutti lo sanno - gli abitanti nostri contemporanei. non manca neppure un simpatico cane il cui sguardo sembra coincidere con quello dell’autore: distaccato/divertito. E noi leggiamo con piacere anche perché certi personaggi sembrano assomigliare a qualcuno che conosciamo: siamo o non siamo italiani?
Edizioni della Cometa, Roma, 2015
edizionilacometa@yahoo.it
Ivo Prandin
● Testimonianze
● Presentazioni
● Articoli
● Illustrazione
● Testimonianze
● Presentazioni
UN AQUILONE PERCHÉ?

Un aquilone, perché? è una sorta di romanzo giallo e il perentorio punto interrogativo ne è una dimostrazione. Avrà una risposta? Domanda più che leggittima. Si, e sarà perfino sorprendente. prima però dovrete lasciarvi prendere da itinerari ricchi di colpi discena e di flash-back. Vi porterannno dalla Francia all'Italia attraverso l'arte e la musica in un susseguirsi di episodi inattesi e spesso curiosi. Ad animarli i più svariati personaggi - da Picasso a Severini, da Morandi a Braque - ma anche altri, soltanto a prima vista minori, In primo piano un peintre-graveur e un critico d'arte. Le loro vicende, all'inizio separate e parallele, a un certo punto si uniranno per restare ferme nel tempo come nell'aria quell'aquilone appeso a un filo. E la risposta? Proprio lì.
● Articoli
Copertina: Riccardo Licata
Centro Internazionale della Grafica di Venezia, 2015
Seconda edizione. Prima edizione 1998
veneziaviva@alice.it
● Testimonianze
● Presentazioni
● Articoli
Media
GOLA DI PIETRA

Inverno 1944-45. Ernesta e la figlia Laura sono le uniche ospiti di una pensione di montagna. Filippo, figlio del gestore, e Laura s’innamorano e vivono un’intensa relazione. Laura, però, alterna momenti sereni ad altri di intima tristezza.
Poco prima della fine della guerra, Ernesta e Laura partono improvvisamente. Da quel momento più nessuna notizia. Molti interrogativi senza risposta e senza certezze.
Passano gli anni. Filippo si laurea, diventa giornalista e incontra Giulia. Tutto cambia. I colori della vita subentrano alle cupe immagini del passato e il destino apre nuovi percorsi.
Un giorno, il ricordo di Laura ritorna prepotente. Sbarrata la Gola di Pietra, Val Poiane, dove vissero la loro storia d’amore, diverrà un bacino idroelettrico e Filippo deve ritornarvi per curare un’inchiesta.
Numerosi flashback e momenti di vita illuminano gli anni di un mondo passato ma non perduto.

Copertina: Claudio Ruatti
Reverdito Edizioni, Trento, 2012.
E-mail: info@reverditoedizioni.it
TEMPO IN CONTROLUCE

Itinerario a largo raggio raccontato in prima persona. Da Trento della fine anni Sessanta (alluvione, contestazione, ecc.) porta un po' ovunque facendo conoscere avvenimenti e personaggi non solo del mondo della cultura. Si parla anche di una gatta.
In copertina: Sera, 1966, Puntasecca di Giulia Napoleone,.
Valentina Trentini, Trento, 2009.
E-mail:  info@artrimedia.it
www.artimedia.it
● Illustrazione
● Postfazione di Giulio Cattaneo
● Articoli
● Presentazione Trento
● Presentazione Roma
● Articoli
CARTACARBONE

Dieci racconti scritti fra il 1954 e il 2004. Tre sono autobiografici. Uno di questi è un ritratto inedito di Giorgio Morandi. Gli altri, di fantasia, sono legati ai luoghi più diversi, Londra, Monaco di Baviera, Ginevra, ecc.

La Cometa, Roma, 2005.
E-mail: edizionidellacometa@yahoo it
www.edizionidellacometa.it
RICCARDO LICATA, UN AQUILONE, PERCHÉ?

Lungo racconto autobiografico. Un bimbo vede in lontananza un aquilone e invidia a morte il bambino che lo fa volare. Venti anni dopo i due si conoscono, il primo è critico d'arte, il secondo noto pittore che opera tra Parigi e Venezia. Da qui un incrociarsi di situazioni ed esperienze.
● Incisione di Riccardo Licata
● Introduzione di Enzo Di Martino
Centro Internazionale della Grafica, Venezia, 1998.
E-mail: veneziaviva@alice.it
www.cigvenezia.it
In brossura, riproduzioni di quindici incisioni
di Riccardo Licata. Gli originali sono stati destinati
a un limitato numero di copie
Media

● Presentazione Mestre
● Testimonianze
● Presentazioni
● Media